aprile 30, 2017
 L'arte del découpage  

manning 3.jpg

Due classici sulla tecnica tradizionale da non perdere. Entrambi, purtroppo, solo in lingua inglese.

Hiram Manning, Manning on Decoupage. Dover Publications, ISBN 0486240282.

Val Lade, 18th Century Decoupage: The Definitive Guide. Sally Milner Publishing Pty Ltd, ISBN 1863511334.

Il découpage
 

Il découpage è una tecnica decorativa che consiste nel ritagliare, comporre, incollare e fissare con vernice trasparente immagini di qualsiasi tipo su un oggetto. L’oggetto così lavorato, grazie alle innumerevoli mani di vernice alternate a carteggiature (che hanno lo scopo di uniformare la superficie decorata) lo faranno apparire come dipinto.

E’ possibile rinnovare vecchi oggetti o mobili personalizzandoli e armonizzandoli con l'arredamento dell’ambiente a cui sono destinati oppure realizzare eleganti complementi d'arredo su qualsiasi tipo di materiale: cartone, legno, terracotta, ferro, ceramica, vetro, tessuti… e persino i muri!

Il découpage è semplice, divertente e ti può… ossessionare! Può farlo chiunque, poi il tempo, la pratica, lo scambio di opinioni con altri découpeur ti aiuteranno a migliorare, imparare, progredire permettendoti di arrivare alla creazione di veri e propri capolavori.

 

Découpage è una parola di origine francese che letteralmente significa "ritaglio" perchè consiste nella decorazione di oggetti con figure di carta ritagliate.

Il découpage, è un’antica tecnica decorativa che prese piede in Europa alla fine del XVII secolo grazie alla moda d’oggetti laccati in stile cinese scoppiata tra i nobili. Quest’arte rinacque in Italia (dove veniva chiamata “lacca contraffatta" o "arte povera") grazie ai i mobilieri veneziani che, per stare dietro alle richieste di mobili laccati da tutta Europa, cominciarono a ritagliare, dipingere e laccare immagini stampate. Si diffuse velocemente anche in Germania, in Francia, in Inghilterra fino ad arrivare negli Stati Uniti.

Inizialmente si usavano figure di stile cinese, poi qualsiasi immagine divenne “découpabile”, soprattutto tra i nobili. Persino la regina Maria Antonietta si dedicò al découpage, utilizzando immagini dipinte naturalmente dai pittori di corte.

Nel XIX secolo in Inghilterra quest’arte si diffuse tra il popolo: il decoupage “vittoriano” è ancora oggi eseguito utilizzando immagini in “stile” raffiguranti fiori, cherubini e dame e posizionate a caso su tutta la superficie dell’oggetto.

Il découpage, una volta “esportato” in America, subì un lento declino, ma dopo la II guerra mondiale, Hiram Manning, uno dei più noti découpeur al mondo, ha contribuito fortemente alla diffusione di quest’arte che in Europa è tornata di moda solo da pochi anni.

 

Home | L'arte del découpage | Concorso CALENDARIO 2017 | Eventi e Incontri | Referenti Territoriali | Perché associarsi | Area Soci | Contatti Direttivo
  Copyright (c) 2000-2006   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy